IQ6FW - Sezione CISAR Majella

Cerca

Vai ai contenuti

50 Mhz - IR6UAW

Impianti > Ponti locali

Ripetitore locale 6 mt. - IR6UAW (Vecchia versione)

Ubicazione: Lanciano (CH), loc. Costa di Chieti
Altezza sul livello del mare del terreno su cui è installata l'antenna: 260mt.
Frequenze operativa 50,420MHz shift +0.500MHz

Caratteristiche tecniche del sistema:
- larghezza del canale utilizzato: 25kHz
- potenza del trasmettitore: 20W
- perdite da cavi ecc.: 3dB
- modo di emissione: NB FM
- accesso con subtono 97,4 Hz (Ponte in Locale)
- accesso con subtono 110,9 Hz (Attiva interconnessione con IR6UAE di Monte Majelletta)

Caratteristiche antenne:
- tipo: J Pole 6 metri.
- guadagno: 0dBd
- tipo: direttiva 3 elementi UHF per apparato di Link.
- guadagno: 5dBd

DESCRIZIONE TECNICA DEL SISTEMA :
Il ponte è stato realizzato utilizzando degli apparati veicolari Midland reperiti in USA. Per il trasmettitore è stato utilizzato il modello 70-052C con potenza massima 30Watt. Per ricevitore invece è stato utilizzato il modello 70-056C con potenza massima di 110Watt a cui è stato rimosso la parte del finale di potenza non necessaria per il suo utilizzo.
Entrambe le parti Rx e Tx sono state racchiuse in contenitori di alluminio realizzati su misura per migliorare la schermatura.
Questi apparati sono a banda stretta. Per poterli utilizzare con una deviazione a +/- 5 KHz è necessario fare delle modifiche sul discriminatore del ricevitore, mentre in trasmissione basta ritoccare il trimmer del limitatore di modulazione.
Per il ricevitore sono riuscito a reperire in Canada una scheda subtono costruita proprio per questi apparati ed inserita all'interno su dei connettori predisposti. Per il Tx ho utilizzato un generatore di toni subaudio presentato nella pagina "Progetti" di questo sito.
La memorizzazione delle frequenze viene fatta utilizzando un programma che gira sotto DOS reperibile su internet che genera un file da programmare sulla eeprom interna.

Nelle foto dell'interno si nota la presenza di una scheda COR gestita da microprocessore PIC che gestisce le commutazione BF sia in locale che dall'apparato di Link con tutte le temporizzazioni (priorità, coda di trasmissione, timeout, ecc) ed anche la scheda di identificazione vocale del ponte).

E' presente anche una seconda scheda decoder CTCSS tarata a 97,4 Hz che insieme a quella interna al ricevitore, tarata a 110,9 Hz da la possibilità all'utente di selezionare il funzionamento del ponte rispettivamente in Locale oppure interconnesso con l'RU3alfa di Monte Majelletta. Infatti è presente una scheda (segnalata nelle foto) che presenta la logica necessaria per selezionare le due funzioni appena descritte ed anche un temporizzatore che riattiva automaticamente il Link dopo trenta minuti di silenzio dopo un QSO locale.

Tra le modifiche adottate sul ricevitore c'è quella di prelevare la BF direttamente dal discriminatore ed utilizzare una scheda di deenfasi a 750 uSec esterna per migliorare la qualità audio. Inoltre sulla stessa scheda è presente un circuito Notch BF per sopprimere il subtono CTCSS a 110,9 Hz.

Per il Link ho utilizzato un apparato Motorola McMicro UHF con scheda CTCSS esterna per la ricezione, mentre per la trasmissione questi apparati sono già dotati di generatore CTCSS opportunamente programmato via software insieme ad altri parametri come la frequenza operativa.

Come contenitore ho utilizzato un Rack per Computer-Server di recupero.
Sulla parte anteriore, oltre al comando di accensione e spegnimento, c'è un interruttore per spegnere l'apparato di Link ed uno per disabilitare la funzione di ReLink dopo 30 minuti di assenza di QSO locale. Ci sono i classici 3 led TX, RX e LINK RTX.
Sul pannello posteriore si vedono i tre connettori per le antenne, oltre all'alimentatore che in origine era alimentatore di computer, ma è stato modificato per avere una tensione di 13 Volt con un basso ripple e circa 8 Ampere di corrente massima, più che sufficienti per alimentare tutta l'apparecchiatura.

Il ponte è stato messo in funzione con una sola antenna per i 6 metri e quindi con un duplexer per permettere il funzionamento contemporaneo in Tx ed Rx. Entrambi i dispositivi sono stati autocostruiti e verranno descritti in un prossimo articolo.

73' Lorenzo iw6ocm



Torna ai contenuti | Torna al menu